La partecipazione

Perché partecipare? Sono tante le ricadute positive del coinvolgimento dei bambini e delle bambine al governo e alla progettazione delle città. Partecipare dà la possibilità di diventare soggetti attivi, esprimendo direttamente bisogni e desideri. Roger Hart, esperto di diritti dell’infanzia, nell’opera Children’s Participation racconta come la partecipazione alla vita della città sia un momento educativo fondamentale per i bambini.

Ma la partecipazione dei bambini è una lezione anche per gli adulti, che ascoltando le opinioni dei più piccoli possono imparare a considerarli non più “cittadini del futuro”, bensì soggetti politici del presente, in grado di influenzare e migliorare la realtà che ci circonda.

Il punto di vista dei bambini

Quando interpellati, i bambini e le bambine esprimono un punto di vista diverso da quello degli adulti su come dovrebbe essere il luogo in cui viviamo. È proprio questo sguardo differente la chiave per “salvare” le nostre città – ma servono alcune azioni concrete:

  • Coinvolgere davvero: per essere efficace la partecipazione dev’essere reale, con obiettivi specifici definiti insieme ai bambini all’inizio del processo partecipativo.
  • Puntare a realizzare qualcosa: le esigenze espresse dai bambini devono essere calate nel “qui e ora”, assumendo impegni reali come ristrutturare uno spazio pubblico o cercare di risolvere i problemi della mobilità pedonale in un’area specifica.
  • Imparare ad ascolatare: gli adulti che partecipano al processo devono avere il più possibile un ruolo di supporto e non di guida, rendendo i bambini autonomi in tutte le fasi del processo.

Qual è dunque il valore concreto di questo progetto? Ecco 3 buoni motivi per favorire la partecipazione dei bambini e delle bambine alla vita della città.

 

Educazione

Partecipare ha un forte valore educativo perché rende parte di una comunità, con cui i bambini possono condividere responsabilità e diritti. E così la città diventa la “loro” città, grazie allo sviluppo di un forte senso civico fin dai primi anni di scuola. Non mancano le ricadute sociali di questo processo educativo: attraverso i bambini e le bambine il coinvolgimento arriva alle famiglie, che assumeranno atteggiamenti nuovi per sostenere i loro figli e le loro figlie.

 

Democrazia

La partecipazione dei bambini è una condizione necessaria a una progettazione più democratica, perché più ampia e completa. La principale motivazione del coinvolgimento dei più piccoli è legata al contributo che i bambini possono dare alla città. Uno dei limiti più gravi nello sviluppo recente delle città è che è avvenuto tenendo in considerazione quasi esclusivamente i bisogni del cittadino adulto e produttivo. È stato invece dedicato uno scarso interesse agli spazi pubblici di incontro e di gioco e alla mobilità pedonale all’interno dei quartieri. Coinvolgere i bambini e le bambine significa ribaltare questa prospettiva, dando voce a chi non è stato tenuto in conto nella progettazione delle città, nella convinzione che essi rappresentino le esigenze di altre categorie di cittadini: gli anziani, i vecchi e le persone con disabilità.

 

Creatività

Per favorire lo sviluppo urbano servono idee creative, e spesso sono proprio i bambini i principali innovatori. I più piccoli, se ascoltati, non sono soltanto capaci di esprimere i propri bisogni, ma anche di elaborare proposte concrete su come soddisfarli. Le loro idee non sempre sono immediatamente realizzabili, ma sono spesso creative e innovative. Ecco perché  una città che vuole realmente intraprendere un percorso di cambiamento ha bisogno del contributo concreto dei bambini.

Articoli sul tema della Partecipazione

#IORESTOACASAE… Le voci dei Sindaci e dei Consiglieri durante la pandemia

Di Marica Notte | 22 Luglio 2020

Durante l’emergenza sanitaria legata alla diffusione del virus COVID-19, il gruppo di ricerca del Laboratorio Internazionale “La città dei bambini” ha condotto uno studio dal titolo “#IORESTOACASAE…” che ha visto coinvolti sia i sindaci che i bambini dei Consigli della rete nazionale. La ricerca nasce con un duplice obiettivo, da una parte capire se e…

Tutti a ricreazione…in classe o in cortile? Cosa dicono i bambini

Di Daniela Renzi | 15 Aprile 2024

Obiettivo della ricerca è stato quello di ripetere, a distanza di un anno, l’indagine sulla ricreazione scolastica della mattina ampliando il campione dei soggetti intervistati e aggiungendo domande specifiche inerenti la scuola per ottenere maggiori informazioni. Allegati Tutti a ricreazione (177 kB)

Bell’esempio! Esperienza partecipativa e studio sperimentale sull’autonomia normativa dei bambini attraverso le multe morali

Di Daniela Renzi | 2 Aprile 2024

Lo studio integrato presentato nell’articolo ha il duplice obiettivo di studiare il comportamento dei bambini nel loro ambiente familiare, il quartiere, e di sviluppare nei bambini stessi la propensione a farsi promotori e difensori di norme. Abbiamo coinvolto i bambini in una esperienza partecipativa in cui si facevano garanti di regole, in particolare di quelle…

Scusate il disturbo, diamo la parola ai bambini

Di Daniela Renzi | 2 Aprile 2024

Il contributo descrive le motivazioni alla base della partecipazione infantile, secondo l’ottica del Progetto internazionale “La città dei bambini” e di alcuni dei principi della Convezione Onu sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza (1989). Dare voce ai bambini, riconoscere il bambino come attore sociale, come titolare di diritti che può esercitare fin dalla minore età, consente…

La ricreazione nella scuola primaria: lo abbiamo chiesto ai bambini

Di Daniela Renzi | 2 Aprile 2024

Lo scopo della ricerca è stato quello di ottenere una fotografia della ricreazione scolastica della mattina ascoltando il giudizio dei bambini. E’ stato somministrato un questionario  a bambini della scuola primaria nel periodo gennaio-aprile 2022 da nove pediatri. Sono stati intervistati 245 bambini (età media 8.1 anni) di 105 Istituti scolastici diversi; il 59.2% ha…

L’ascolto dei bambini durante una situazione di emergenza. Un’esperienza di educazione alla democrazia

Di Daniela Renzi | 2 Aprile 2024

La pandemia causata dal COVID-19 ha stravolto la vita di tutti, in particolare quella dei bambini che sono stati privati, durante il primo lockdown, della scuola, delle relazioni sociali e della possibilità di esprimere i propri bisogni e di fornire la propria opinione sulla situazione che stavano sperimentando. Il progetto internazionale Città dei bambini dell’Istituto…

Children’s voices in the time of COVID-19

Di Daniela Renzi | 28 Marzo 2024

Sono presentati i risultati di una ricerca condotta a livello internazionale, nei mesi di marzo e aprile 2020, per esplorare le riflessioni dei bambini e dei ragazzi e la loro percezione dell’epidemia causata dal COVID-19. La ricerca fornisce indicazioni su cosa vogliono i bambini e su come possono essere supportati in questo periodo di crisi.…

Raccontare la progettazione partecipata dei bambini

Di Daniela Renzi | 28 Marzo 2024

Raccontare la progettazione partecipata dei bambini è un contributo che descrive l’esperienza di partecipazione alla progettazione di spazi e arredi urbani, chiedendo ad un gruppo di bambini di promuovere il cambiamento del loro ambiente di vita, a partire dai loro bisogni, con la collaborazione di adulti competenti. Il ruolo dell’adulto esperto non sarà quello di…

La ricerca sul Consiglio dei bambini di Piombino

Di Daniela Renzi | 11 Maggio 2018

A partire dal 2001, il Comune di Piombino ha avviato il Progetto il Consiglio delle Bambine e dei Bambini ; dieci anni dopo, il Comune di Piombino ha intrapreso un percorso di riflessione critica su ciò che è stato realizzato coinvolgendo coloro che, a diverso titolo, ne sono stati protagonisti. A tal fine, è stata…

Bell’Esempio! Esperimento sul campo sul valore educativo delle multe morali

Di Daniela Renzi | 13 Febbraio 2018

L’esperimento presentato nasce con l’obiettivo di verificare la realizzabilità di un intervento “dal basso”, in cui i bambini promuovono l’obbedienza alle norme da parte degli adulti; e questo attraverso l’utilizzo di multe che attribuiscono una valutazione morale al trasgressore, senza che ciò comporti alcun danno pecuniario al sanzionato. Il luogo della sperimentazione si trova nel…