banner_in_costruzione

Promuovere la partecipazione

I bambini e le bambine hanno diritto ad esprimere la loro opinione ogni volta che si prendono decisioni che li riguardano e la loro opinione deve essere tenuta in considerazione (Art. 12 della Convenzione ONU sui Diritti dell'Infanzia, 1989 )

Garantire l'autonomia

La Convenzione ONU riconosce il Diritto al gioco del bambino (Art. 31) e il Diritto ad un livello di vita sufficiente per consentire il suo sviluppo fisico, mentale e spirituale (Art. 27). La riappropriazione di un rapporto autonomo con l'ambiente urbano consente lo sviluppo cognitivo, emotivo e sociale del bambino

Il Diritto al gioco

I bambini e le bambine hanno diritto al riposo e al tempo libero, a dedicarsi al gioco e ad attività ricreative e a partecipare liberamente alla vita culturale ed artistica (Art. 31 Convenzione ONU sui Diritti dell'infanzia, 1989)

Aderire alla Rete

La Rete Internazionale è un luogo di incontro e scambio, di costruzione di strategie comuni e di rafforzamento per la realizzazione del progetto

Attività di ricerca

Il Laboratorio internazionale  svolge in collaborazione con altri Enti di ricerca e Università attività di ricerca sui due assi di interesse principale del progetto: la partecipazione e la mobilità autonoma dei bambini

Materiali

Strumenti e materiali che possono aiutare le città interessate allo sviluppo del progetto e delle sue attività

La Rete Internazionale raccoglie più di 100 città in tutto il Mondo. Scopri come il progetto viene  realizzato nelle diverse città aderenti.

Le città aderenti alla Rete internazionale

Notizie ed eventi in evidenza

Tutti
Eventi
News

A favore delle Bambine e dei Bambini

Non c’è responsabilità più sacra di quella che il mondo ha verso i bambini. Non c’è dovere più importante di garantire che siano rispettati i loro diritti, che il loro benessere sia tutelato, che le loro vite siano libere dalla paura e dal bisogno e che essi possano crescere nella pace.

 

Kofi Annan
Politico e diplomatico ghanese

I giochi dei bambini non sono giochi, e bisogna considerarli come le loro azioni più serie.


Michel De Montaigne
filosofo