AUTONOMIA di MOVIMENTO: una necessità per i bambini, una risorsa per la città

L’autonomia di movimento è uno degli obiettivi principali del Progetto «La città dei bambini», ovvero permettere ai bambini e alle bambine di vivere la città con la maggiore libertà possibile: uscire di casa senza essere accompagnati, incontrare gli amici e giocare negli spazi pubblici della città. Le fondamentali esperienze di esplorare, scoprire, sorprendersi, avventurarsi e superare di volta in volta gli ostacoli e i rischi consentono la costruzione della personalità adulta, della scelta del comportamento appropriato alla situazione e l'elaborazione dei necessari strumenti di conoscenza e difesa che, al contrario, sono ostacolati dal controllo continuo e diretto degli adulti. Questo perché un luogo non vissuto liberamente è percepito da bambini e bambine come non proprio, e finisce per essere sprecato come possibilità di crescita.

La ragione principale che impedisce ai bambini di uscire di casa è la pericolosità della strada. Le statistiche (dati OMS 2018) indicano gli incidenti stradali come la principale causa di morte dei giovani tra i 15 e i 29 anni. La metà di coloro che muoiono sulle strade di tutto il mondo sono “utenti vulnerabili della strada”: pedoni, ciclisti e motociclisti. In Italia, nonostante si sia ridotto il numero degli incidenti stradali e dei morti causati da incidenti stradali (dati ISTAT 2013), si assiste ad un aumento di vittime nelle classi di età 0-4 e 65-69 anni.

La mobilità dei bambini, simile fino a qualche decennio fa a quella dei loro genitori, oggi è quasi scomparsa, mentre quella degli adulti è aumentata enormemente. Ma sono mobilità di tipo ben diverso. I bambini non possono uscire in strada proprio perché i genitori si muovono troppo in auto e rendono così la città pericolosa. Negare ai bambini e alle bambine l’autonomia non è tuttavia solo un danno per la loro formazione, è anche un danno sociale: la presenza di bambini nelle strade le rende più frequentate, aumenta il controllo comune, intensifica scambi, relazioni e tessuto sociale e quindi aumenta la sicurezza.

10 Ragioni per promuovere l'autonomia di movimento dei bambini e delle bambine

  1. i bambini e le bambine che si muovono da soli a piedi sono generalmente più sani dal punto di vista fisico, perché fanno movimento;
  2. i bambini e le bambine che vanno a scuola da soli a piedi mostrano maggiore capacità di concentrazione durante le lezioni;
  3. i bambini e le bambine che si muovono da soli a piedi sviluppano una migliore conoscenza ambientale, capacità di orientamento e capacità di sistematizzazione delle conoscenze (mappe mentali);
  4. i bambini e le bambine che si muovono da soli a piedi sviluppano un più alto grado di socialità e riducono il rischio di solitudine e isolamento;
  5. i bambini e le bambine che si muovono da soli a piedi acquisiscono una maggiore capacità di problem solving, cioè di “cavarsela” nelle situazioni di difficoltà o incertezza;
  6. i bambini e le bambine che si muovono da soli a piedi sviluppano un maggiore senso di responsabilità e sicurezza perché godono della fiducia di chi gli sta intorno;
  7. i bambini e le bambine che possono passare il proprio tempo libero giocando in maniera autonoma con i loro amici e amiche sviluppano maggiore capacità di autorganizzazione, maggiore creatività, capacità di pensare e realizzare progetti;
  8. la diminuzione degli accompagnamenti di bambini e bambine in auto comporta la diminuzione del traffico veicolare generale, degli incidenti stradali, in particolare nei dintorni delle scuole, e dell'inquinamento atmosferico;
  9. le strade frequentate da bambini e bambine che si muovono a piedi diventano strade più sicure e piacevoli da percorrere. Con l'aumento dei pedoni aumenta la percezione della sicurezza, la solidarietà sociale e diminuisce il rischio di fare brutti incontri;
  10. i genitori e gli altri adulti di riferimento normalmente utilizzano una buona parte della giornata per accompagnare/ritirare/aspettare i bambini e le bambine durante le loro attività. Tempo che invece potrebbe essere impiegato più proficuamente per momenti di qualità da trascorrere insieme.

Concretamente

Rispetto all'autonomia di spostamento, il Laboratorio Internazionale “La città dei Bambini" propone alcune azioni per cambiare la città:

→ A scuola ci andiamo da soli

Prima i pedoni!

Indagine su come i bambini vanno a scuola da soli

Per misurare il livello di autonomia di spostamento dei bambini, prima dell’inizio dell’esperienza “A scuola ci andiamo da soli”, il nostro gruppo di ricerca ha messo a punto  un  questionario che indaga il livello di mobilità autonoma sia nel percorso casa – scuola che nei percorsi extrascolastici.
Il questionario da somministrare all'inizio dell'esperienza prende il nome di Questionario Pre Test ed è rivolto ai bambini e ai loro rispettivi genitori.  Alla fine del primo anno di sperimentazione e alla fine di ognuno dei successivi anni, si procede alla somministrazione di un Questionario Post Test (sempre per bambini e genitori), che darà la misura dell’andamento dell’autonomia di spostamento e dell’efficacia della esperienza proposta.
I questionari possono essere scaricati ed utilizzati dalle città che avviano l’esperienza “A scuola ci andiamo da soli”.
Inoltre sono disponibili le istruzioni per la corretta somministrazione e compilazione dei questionari.

Istruzioni somministrazione questionari

Questionario Bambino/Pre Test

Questionario Genitore/Pre Test

Questionario Bambino/Post Test

Questionario Genitore/Post Test

Articoli sul tema dell'Autonomia

Manuale metodologico campagna “Prima i pedoni!”

Di Daniela Renzi | 20 Febbraio 2018

In questo manuale trovate la descrizione delle campagna “Prima i pedoni!”, che nasce da una proposta del Consiglio dei bambini di Roma, voluto da Walter Veltroni.  I bambini hanno chiesto al sindaco il permesso di uscire di casa da soli e quindi di modificare la città, rendendola meno pericolosa: modificare le strade, gli incroci e…

L’autonomia di movimento dei bambini: una necessità per loro, una risorsa per la scuola e per la città.

Di Daniela Renzi | 13 Febbraio 2018

Questo contributo – pubblicato in Studium Educationis, n. 3/2014 – intende evidenziare la necessità per i bambini di sperimentare e recuperare l’autonomia di movimento, quasi scomparsa negli ultimi anni, a cominciare dal percorso casa – scuola. Partendo dalle motivazioni di base del Progetto internazionale “La città dei bambini”, abbiamo cercato di analizzare le cause del crollo della…

I bambini italiani più sedentari, meno indipendenti

Di Daniela Renzi | 13 Febbraio 2018

Questo contributo mostra i dati sulla mobilità autonoma dei bambini in Italia e analizza le implicazioni della mobilità autonoma sulla salute fisica e psicologica dei bambini. Allegati i bambini italiani più sedentari meno indipendenti (348 kB)

Social Participation and Independent Mobility in Children: The Effects of Two Implementations of “We Go to School Alone”

Di Daniela Renzi | 9 Febbraio 2018

Social Participation and Independent Mobility in Children Allegati Social Participation and Independent Mobility in Children (343 kB)

A scuola ci andiamo da soli, anzi con gli amici. E’ difficile, ma ne vale la pena

Di Daniela Renzi | 2 Febbraio 2018

L’articolo mostra l’importanza della mobilità autonoma nello sviluppo dei bambini e la possibilità di incrementare la loro autonomia attraverso la sperimentazione dell’esperienza “A scuola ci andiamo da soli” promossa dal progetto internazionale “La città dei bambini”.   Allegati A scuola ci andiamo da soli, anzi con gli amici. E’ difficile, ma ne vale la pena…

La Rete Internazionale: i risultati raggiunti nel 2019

Di Antonella Prisco | 14 Gennaio 2020

Il 2020 è iniziato con molto entusiasmo e vogliamo inviarvi nuovamente i nostri migliori auguri di un nuovo anno di lavoro. Un anno  di impegno per rafforzare la partecipazione dei bambini e delle bambine al governo delle loro città e di promozione dell’ autonomia di movimento e del diritto al gioco. Il 2019 è stato…

I percorsi casa-scuola per bambini inaugurano la Settimana Europea della Mobilità

Di redazione | 17 Settembre 2019

Per il terzo anno consecutivo il Comune di Fano aderisce alla Settimana Europea della Mobilità. I percorsi casa-scuola sono stati ideati dal laboratorio “Città delle  bambine e dei Bambini”. Le modalità sono le solite: ci si ritrova in punti stabiliti e ben segnalati da appositi cartelli e da lì, insieme e in totale sicurezza, si…